- News - Business&Industry

Il delivery aziendale per chi lavora in smart working

La ristorazione aziendale post Covid dovrà coinvolgere sempre di più anche i dipendenti in smart working, offrendo servizi flessibili e innovativi che tengano conto dell’evoluzione delle abitudini di lavoro anche oltre il momento contingente. Ecco perché Elior lancia un nuovo prodotto di welfare aziendale orientato al benessere dei dipendenti

Il delivery aziendale per chi lavora in smart working

Chi l’ha detto che la ristorazione aziendale post Covid non debba coinvolgere anche i dipendenti in smart working?

La ripresa delle attività lavorative nella fase 2 e 3 riguarda anche molte persone che, pur essendo diminuita l’emergenza, proseguiranno a lavorare da casa. Un po’ per ragioni di sicurezza e un po’ perché anche le stesse aziende hanno scoperto che alternare smart working e presenza in ufficio non è poi così male.

E allora occorre pensare a servizi innovativi e flessibili, che tengano conto dell’evoluzione delle abitudini di lavoro anche oltre il momento contingente.

Le box delivery aziendali

Per quanto riguarda la pausa pranzo, dopo Food 360 e l’app JoyFood, in Elior abbiamo deciso di fare un passo avanti e uscire letteralmente dai soliti schemi.

Se per i ristoranti aziendali abbiamo presentato il nostro progetto #IomangioSicuro, per i lavoratori in smart working ci siamo ispirati al trend più in voga dell’ultimo anno: il food delivery, reinterpretato a modo nostro per venire incontro alle esigenze della ristorazione aziendale post Covid. E per dare una risposta concreta di fronte a eventi difficilmente prevedibili e controllabili, come l’attuale emergenza sanitaria.

Alle attuali proposte Elior per la ristorazione collettiva, che prevedono già l’home delivery dei pasti per la pausa pranzo confezionati in ATP (atmosfera protetta), si aggiungono le box delivery, che permettono ai dipendenti di acquistare e ricevere direttamente a casa propria kit preconfezionati di alimenti di prima necessità.

Un nuovo modello di welfare

In questo modo c’è un duplice vantaggio: le aziende possono offrire ai propri dipendenti un nuovo modello di welfare che tiene conto del loro benessere e i lavoratori possono contare su prodotti alimentari genuini e variegati senza essere costretti a uscire di casa per andare al supermercato. Flessibilità e innovazione, insomma, riuniti in un unico servizio semplice e veloce.

Il tutto, infatti, si ottiene con un click: ordinare e acquistare la box delivery desiderata è possibile tramite la piattaforma JoyFood, già utilizzata in molte aziende per scoprire e prenotare i menù desiderati per la pausa pranzo e quindi nota ai lavoratori.

Le box: Mediterranea, Colazione e Dispensa

Tre sono le box disponibili:

  • Mediterranea, a base di ingredienti tipici della cucina italiana, come sugo al pomodoro e olio d’oliva;
  • Colazione, con una serie di prodotti pensati per il primo pasto della giornata in famiglia;
  • Dispensa, un’ampia gamma di alimenti in scatola come tonno, farina e riso

Entrando in JoyFood si sceglie la box desiderata e il giorno di consegna a casa (entro una certa distanza dalla sede aziendale) e si procede al pagamento.

Per i lavoratori già rientrati in ufficio si può optare anche per il ritiro nel ristorante aziendale.

Soluzioni innovative

I cambiamenti dei modelli di organizzazione del lavoro, sempre più flessibili e slegati dalla sede dell’impresa, sono una parte integrante delle nostre sfide quotidiane. Per questo motivo, spiega il nostro direttore Stream Business&Industry Roberto Corda, “già da tempo Elior è impegnata in soluzioni innovative: l’emergenza Coronavirus ha accelerato questa evoluzione e siamo pronti a offrire ai nostri clienti nuovi servizi in grado di migliorare il benessere dei dipendenti, grazie anche alla disponibilità dei nostri asset tecnologici come la piattaforma digitale JoyFood. Le nuove Box si inseriscono in questo percorso offrendo alle aziende un ulteriore strumento di welfare aziendale per prendersi cura dei lavoratori, anche se a distanza, sostituendosi alla ristorazione in azienda”.

VUOI AVERE PIÙ INFORMAZIONI? CLICCA QUI!