- News - Education

L’importanza della colazione per i bambini

L’importanza della colazione per i bambini

Da sempre Elior si impegna a portare l’educazione alimentare nelle scuole: siamo convinti che insegnare
ai bambini a mangiare in modo sano e corretto sia uno dei regali più belli che possiamo fare agli adulti di
domani.
Ecco perché in questo periodo di lock down nel quale scuole e asili sono chiusi, oltre a proporre i consigli
delle nostre educatrici sulle attività a casa coi più piccoli, vogliamo ribadire l’importanza della
colazione per i bambini e l’opportunità per mamme e papà di ricalibrare la propria giornata partendo
proprio da questo fondamentale rito mattutino.

Partire col piede giusto

Quante volte guardando le pubblicità in televisione abbiamo invidiato chi aveva il tempo di sedersi intorno
a un tavolo e imbastire una buona colazione anziché lanciare al volo una merendina, magari in auto mentre si va a scuola?
Non c’è momento migliore di questo periodo di contenimento forzato per rivedere le abitudini alimentari
di tutta la famiglia, scoprendo insieme cosa piace di più ai bambini e insegnando loro che la colazione è il
pasto più importante della giornata (dovrebbe apportare il 20% del fabbisogno calorico quotidiano) e che
può essere anche salata. Quindi perché non sperimentare insieme nuovi piatti e ricette diverse dal solito,
che richiedono anche un po’ di preparazione in più?

Mangiare è un gioco divertente

Lo sappiamo, cambiare abitudini non è certo facile. E se prendessimo tutto come un gioco? Così sarà più
semplice insegnare anche ai piccoli a conoscere gli alimenti e il loro abbinamento, in modo da portare in
tavola una colazione
Questo concetto è alla base dei nostri progetti di educazione alimentare nelle scuole (che negli ultimi anni
ha riguardato 72 comuni in Italia coinvolgendo quasi 10mila bambini) e può essere facilmente replicato
anche a casa.

Le regole di una buona colazione

I bambini imparano che il buongiorno si vede dal mattino, quindi occorre che la loro colazione rispetti certe
regole: quando ci svegliamo, i livelli di zucchero nel nostro sangue sono bassi, quindi serve una buona dose
di energia per evitare stanchezza, difficoltà di concentrazione e attacchi di fame improvvisa.
La colazione dei bambini, ma anche degli adulti, dovrebbe quindi prevedere carboidrati: latte con un po’ di
cacao, pane, fette biscottate con marmellata o miele, yogurt, una macedonia di frutta fresca di stagione
vanno benissimo. In inverno possiamo aggiungere una spremuta di arancia per aggiungere un po’ di
vitamina C, da sostituire con un buon frullato nelle altre stagioni.

Meglio evitare le merendine confezionate, troppo ricche di grassi, quindi da consumare con molta
moderazione: visto che siamo tutti a casa in quarantena, una buona idea è preparare insieme torte
casalinghe, come il banana bread o la torta di carote, oppure il pane fatto in casa o qualche biscotto. In
questo modo oltre ad avere una colazione sana e nutriente, avremo anche un’attività sempre molto gradita
ai piccoli con cui intrattenerli!

La ‘loro’ colazione

Una prima attività da proporre ai bambini è questa: disegnate su un foglio di carta una tovaglietta e poi
chiedete loro di ritagliare da giornali e riviste oppure disegnare la loro colazione preferita, ricordando che
deve rispettare le regole elencate qui sopra.
Potete anche fare un elenco di prodotti e chiedere ai bambini quali vanno bene per la colazione e quali no o
inventare colazioni fantastiche per i supereroi o le principesse.
Un’altra attività che piace sempre ai bambini è scoprire le colazioni degli altri, soprattutto quelle straniere:
organizzate un giro del mondo tra le colazioni, spiegando loro che in Francia si mangia il croissant, in
Inghilterra uova e bacon, negli Stati Uniti pancake e sciroppo d’acero, in Asia un piatto di riso o più spesso
le zuppe.